Apri il sipario e vivi

 

Fu la prima volta che entrai in un teatro e mi stupii dalla magnificenza di quel luogo con grandi colonne nelle arcate ricoperte di luci leggere a sfumare l’atmosfera.

Mi sedetti in una loggia, mi affacciai sulla platea che mormorava e poco dopo si aprì il sipario su quel grande palco.

Si palesò un signorotto goffo, forse un po’ impacciato e sicuramente emozionato ad esibirsi davanti a tutte quelle persone.

Stette in silenzio quasi un minuto prima di prendere coraggio e dare il meglio di se lasciando basito il pubblico.

Non mi scorderò mai di quel signore minuto, timido ma improvvisamente coraggioso e così sicuro di sé.

In fondo è la replica della nostra vita e non c’è niente di meglio che viverla appieno.

Ogni mattina siamo tutti come quel signorotto, non sappiamo quale sarà il nostro pubblico, non sapremo come sarà la nostra performance ma non per questo ci fermiamo lasciando il sipario chiuso.

Ogni tanto vorrei togliermi i vestiti da loggia per usare quelli da palco ma per quanto possa esser buona la performance sarebbe pur sempre una commedia, una storia già scritta solo da recitare nel miglior modo possibile. Più facile ma sicuramente meno sincera e poco spontanea.

Allora ho deciso di restare nella mia loggia da dove vedo alzarsi il sipario sul palco della mia vita ogni giorno e mi godo lo spettacolo che si crea all’istante, mentre il mio pubblico mormora e cerco di dare il meglio di me fino alla fine di questo artistico romanzo con accanto a me i collaboratori più stretti tra cantori, tecnici, scrittori, commedianti e amici.

A.T.

Potrebbe interessarti anche...

Amo scrivere e condividere i miei pensieri più profondi.
Dopo diversi anni senza toccare la penna sono tornato, sto ritrovando me stesso e queste ne sono le espressioni più pure ed intime.

Puoi leggere i miei racconti completi dal libro Veliero Innamorato

Veliero Innamorato

Amo scrivere e condividere i miei pensieri più profondi. Dopo diversi anni senza toccare la penna sono tornato, sto ritrovando me stesso e queste ne sono le espressioni più pure ed intime. Puoi leggere i miei racconti completi dal libro Veliero Innamorato

4 pensieri riguardo “Apri il sipario e vivi

  • 12 gennaio 2018 in 16:44
    Permalink

    Siamo i protagonisti quel parco, e anche gli artefici e costruttori. La vita è il palco, ognuno di noi ne è il protagonista, ciò che a volte ci si dimentica che la vita non è una recita, ma va vissuta come hai scritto tu, godendosela attimo dopo attimo, nella spontaneità e autenticità di ciò che si è, e dando sempre il meglio di se stessi. Il palco è la vita, lei che generosa dà ad ogni protagonista l’opportunita di farne il suo capolavoro. Nel tragitto di questo palco, si compie anche là sua incantevole opera. Grazie per questo racconto ricco di spunti di riflessione, ma soprattutto che accende il sentire🙏😘😘😘

    1
    Risposta
    • 13 gennaio 2018 in 19:05
      Permalink

      Grazie a te per la condivisione del tuo pensiero. Uno degli scopi del blog è anche quello di creare discussioni aperte su sentimenti, quello che si prova, si sente e che circonda la vita.

      Risposta
  • 12 gennaio 2018 in 17:23
    Permalink

    Bello il tuo scrivere , anch’io l’ho vissuto in prima persona , l’anno scorso a Maggio , dopo un anno di prove per un teatro di provincia piccino , ci siamo catapultati in un vero palco , con tanto di tendone rosso , ed all’aprirsi quando toccava a me il cuore non me lo sentivo più’ … e’ stata la prima volta che sono salita su di un palco con tanto di pubblico . Ma l’emozione più’ grande l’ho avuta finito di recitare che salutando con un inchino ci siamo avviate con la collega verso l’uscita … mio figlio che mi ha urlato : Brava mamma!!!!!!
    🙂 Un piccolo mio aneddoto , un caro saluto Alessandro.

    Rosy

    1
    Risposta
    • 13 gennaio 2018 in 19:07
      Permalink

      Grazie Rosy e mi fa molto piacere che tu stia continuando a leggere il blog.
      Posso solo immaginare la tua emozione in quella occasione ma hai vinto una paura e ti sei presa anche i complimenti da tuo figlio. Sei stata bravissima, continua così 🙂
      Ale

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

All original content on these pages is fingerprinted and certified by Digiprove
Accessibilità